Esistono varie forme di danza, una di queste è quella moderna.

Con il termine danza moderna si definiscono generalmente gli sviluppi della danza che, a partire dalla fine del XIX secolo, portarono ad un nuovo modo di concepire la danza di scena, in contrapposizione al balletto classico-accademico

La danza moderna non è altro che l’evoluzione più recente della danza classica, che sta alla base di tutto. 

Da un punto di vista storico, si inizia a parlare di danza moderna alla fine del XIX secolo; essa nacque in contrapposizione al balletto classico accademico, come forma di ribellione a quelli che erano gli schemi della danza classica. 

La danza moderna è una forma di ballo che parte dalla ricerca di “libertà” inizialmente espressa attraverso l’assolo, eseguito spesso in spazi non teatrali ed ufficiali, proprio per creare quella netta contrapposizione con il ballo classico accademico. 

Fino a quel momento nel mondo del ballo tutto era formale ed inserito entro certi schemi rigidi; dobbiamo poi a due ballerini, l’americana Isadora Duncan (1878-1927) ed il russo Serge dè Diaghilev, la ricerca e la messa in scena di questa nuova espressione della danza, ovvero quella “moderna